Settembre

22

Gio

23

Gio

24

Ven

25

Sab

26

Dom

27

Lun

28

Mar

29

Mer

30

Gio

Ottobre

01

Ven

02

Sab

03

Dom

04

Lun

05

Mar

06

Mer

07

Gio

08

Ven

09

Sab

10

Dom

11

Lun

12

Mar

13

Mer

14

Gio

15

Ven

16

Sab

17

Dom

18

Lun

19

Mar

20

Mer

21

Gio

22

Ven

23

Sab

24

Dom

25

Lun

26

Mar

27

Mer

28

Gio

29

Ven

30

Sab

31

Dom

Novembre

01

Lun

02

Mar

03

Mer

04

Gio

05

Ven

06

Sab

07

Dom

08

Lun

09

Mar

10

Mer

11

Gio

12

Ven

13

Sab

14

Dom

15

Lun

16

Mar

17

Mer

18

Gio

19

Ven

20

Sab

21

Dom

22

Lun

Di sabbia e di vento. È accaduto anche a me!

Venerdì 7 Maggio

ore 20:00

Acquista i biglietti

Info

venerdì, 7 maggio – ore 20.00

DI SABBIA E DI VENTO. È accaduto anche a me!

di Marco Filatori

con Alessandro Baito, Laura Negretti

Regia Luca Ligato

Scenografia Armando Vairo

Progetto teatrale Laura Negretti

Produzione Teatro in Mostra

Discriminazione di genere e disparità tra i sessi.
Due modi diversi per provare a definire quello che da sempre è squallidamente, tristemente, subdolamente e ineluttabilmente davanti agli occhi di tutti. Le donne valgono meno, contano meno, decidono meno, guadagnano meno, lavorano meno, comandano meno, ottengono meno.

MENO, MENO, MENO!

Eppure sarebbe così semplice capire che la strada per la parità non passa dal PIÚ ma dall’UGUALE. Dall’INCLUSIONE e non dall’ESCLUSIONE! La storia che proveremo a raccontare è questa. Semplice? No, per niente!

Come fai a raccontare un qualcosa che fa parte della natura umana; dall’origine dei tempi ad oggi?!
Abbiamo scelto dunque di raccontare la storia di un’unica donna che porta sulle sue spalle la storia di tutte le donne sopraffatte, discriminate, abusate solo ed unicamente per la colpa di essere nate donne.

Da Giovanna d’Arco, mandata al rogo come eretica nel XV secolo, perchè aveva “semplicementescelto di combattere come un uomo, vestita come un uomo, per quello in cui credeva.
Passando per Camille Claudel colpevole, quattro secoli dopo Giovanna, di essere
una grandiosa scultrice in un’epoca in cui le donne potevano al massimo dipingere graziosi acquerelli. Condannata dalla sua bravura e dalla sua bellezza ad essere un’anomalia e dunque, come tale, rinchiusa in manicomio per trent’anni.

Per arrivare fino ai giorni nostri; nel progredito XXI secolo dove il desiderio di maternità può costarti la perdita del posto di lavoro!

Uno spettacolo che vuole spingere le donne a desiderare in grande, a conquistare spazi professionali che finora sono stati preclusi loro, a colmare la disparità di retribuzione con gli uomini, a ridisegnare gli equilibri all’interno della famiglia e a combattere contro gli abusi di potere; qualsiasi abuso di potere! La storia di tre donne che lottano, a distanza di secoli, per la propria autostima. La storia di tre donne che vogliono considerarsi, e che sono, "unlimited", senza limiti!

DURATA: 70’ min. senza intervallo