Settembre

22

Gio

23

Gio

24

Ven

25

Sab

26

Dom

27

Lun

28

Mar

29

Mer

30

Gio

Ottobre

01

Ven

02

Sab

03

Dom

04

Lun

05

Mar

06

Mer

07

Gio

08

Ven

09

Sab

10

Dom

11

Lun

12

Mar

13

Mer

14

Gio

15

Ven

16

Sab

17

Dom

18

Lun

19

Mar

20

Mer

21

Gio

22

Ven

23

Sab

24

Dom

25

Lun

26

Mar

27

Mer

28

Gio

29

Ven

30

Sab

31

Dom

Novembre

01

Lun

02

Mar

03

Mer

04

Gio

05

Ven

06

Sab

07

Dom

08

Lun

09

Mar

10

Mer

11

Gio

12

Ven

13

Sab

14

Dom

15

Lun

16

Mar

17

Mer

18

Gio

19

Ven

20

Sab

21

Dom

22

Lun

Mercoledì 30 Giugno

ore 21:30

Acquista i biglietti

Info

mercoledì, 30 giugno 2021 – ore 21.30

PIÈCES COURTES

Musiche di Bach, Chopin, Henry, Verdi, Brel

Coreografie Maurice Béjart

con Béjart Ballet Lausanne

in prima assoluta in Italia

 

Ad inaugurare la rassegna estiva 30 giugno sarà la XIV edizione del Festival Como Città della Musica con un balletto, Pièces Courtes, prima assoluta in Italia, a cura del Béjart Ballet di Losanna. Lo spettacolo è strutturato in cinque quadri, con le coreografie di Maurice Béjart e le musiche di Verdi, Bach, Brel e Chopin.

Dalla sua creazione nel 1987 il Béjart Ballet Lausanne è un punto di riferimento nel mondo della danza. Designato successore da Maurice Béjart, Gil Roman dirige la compagnia e preserva l’eccellenza artistica dalla scomparsa di Béjart nel 2007.

L’intento di Maurice Béjart, ritenuto un innovatore del balletto, è sempre stato quello di aprire il mondo della danza ad un pubblico vasto. Con questo stesso spirito, Gil Roman e i suoi 39 danzatori si esibiscono in tutto il mondo in occasione di grandi eventi o di gala più intimi a scopo di beneficienza, riuscendo ad ottenere sempre il tutto esaurito anche in Teatri di grande capienza come la NHK Hall di Tokyo, o la Sala Del Palazzo del Cremlino di Mosca.

Dal 2007, Gil Roman porta avanti il suo lavoro di ricerca e di creazione sviluppando il repertorio della compagnia, il cui fulcro è rappresentato dall’opera di Maurice Béjart.

La compagnia, fedele alla sua vocazione, mantiene viva l’opera di Maurice Béjart rimanendo un luogo di creazione.